image

I poeti sono gli altri.
Qui giace la stoltezza
che infila parole per puro gioco
e con uno scarso senso estetico,
con una magna scarsità –

così, in questa sensazione di penuria
mi sento intima delle stelle,
nella mia grossolana scrittura –
oggi la mia ignoranza sarebbe la benvenuta
ma non c’è nessuno,
io superstite
con la pochezza della mia pelle
e nient’altro da offrire,
nient’altro da dire.

I poeti sono gli altri.
I poeti mi imbarazzano.
La poesia mi imbarazza,
mi fa sentire incapace,
interdetta.

Eccomi, solo carne, sola,
senza qualità, senza applausi.
Ho il telefono rotto
e parlo soltanto ai miraggi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...